In fase di separazione, l’addebito va contestualizzato

In fase di separazione, l’addebito va contestualizzato

La Corte di Cassazione (sez. VI Civile - 1, ordinanza 18 giugno - 24 luglio 2013, n. 17991) ha stabilito che la separazione è comunque da addebitarsi al coniuge infedele, in quanto, ancor prima di aver tradito, ha allontanato da sé l’altro coniuge, sino a dormire in un letto separato e a rifiutare rapporti sessuali in ambito coniugale.

In ogni caso viene ribadito il concetto che per stabilire a chi addebitare una seprazione, occorre valutare il contesto in cui è avvenuto il tradimento.

L’Agenzia Investigativa Alfa di Bologna effettua puntuali e precise investigazioni private in tutti i casi in cui si vogliano raccogliere prove da presentare per la giusta attribuzione dell’addebito in cause di separazione giudiziale dei coniugi innanzi al Tribunale competente.

torna su